Come accostare pavimenti diversi

Già da qualche anno si preferisce scegliere un’unica tipologia di pavimentazione per conferire un carattere uniforme e armonico a tutta la casa. Inoltre la presenza di un unico pavimento agevola nella scelta degli abbinamenti e dello stile da attribuire a tutti gli ambiente.

Non sempre, però, è possibile optare per questa soluzione e spesso la necessità di contenere i costi di ristrutturazione spinge a voler modificare solo il rivestimento di alcuni ambienti dell’ abitazione. 

Nell’ambito delle ristrutturazioni edilizie ci sono diverse situazioni in cui può presentare la necessità di accostare pavimenti diversi.






Quando e come accostare due pavimenti diversi?

Un caso tipico è quello in cui si realizza l’unione di due locali per formare, per esempio, un’unica stanza più grande. Il dislivello tra due differenti pavimenti dopo la demolizione di un tramezzo crea una striscia vuota tra le due pavimentazioni esistenti. 



La necessità di contenere i costi di ristrutturazione dell’appartamento appena acquistato richiede la conservazione della pavimentazione esistente  e magari prevede la sostituzione solo in alcuni ambienti.

Si sceglie il parquet come rivestimento unico per l’abitazione, ma si vuole prevedere un altro tipo di pavimentazione per alcuni locali soggetti a maggior usura come l’ingresso, la cucina e i bagni.



Il recupero e il restauro di pavimentazione antica  (graniglie, cementine, riggiole napoletane, cotto, palladiane, marmo, maioliche, etc.) che risulta degradata da usura o lacunosa in alcune parti, necessita l’introduzione di altro tipo di pavimentazione che ben si accosti a quella antica esistente. 


Come accostare pavimenti diversi?

 Un esempio è il parquet abbinato a piastrelle, che siano in gres o di altra finitura. Con il legno si accordano bene anche i materiali naturali, come pietra e marmo. 

Oggi sono in commercio anche piastrelle ceramiche che ne riproducono la texture superficiale. 


Perché accostare pavimenti con materiali diversi?

Il doppio (o triplo) pavimento si ha generalmente con la presenza di “situazioni delicate“. 

Per esempio il parquet, viene spesso sostituito in cucina e nei bagni da altre tipologie di pavimenti. 


Quali profili accostare tra due pavimenti diversi?

 Se le pavimentazioni sono realizzate a regola d’arte non è necessario utilizzare giunzione. Oppure si può prevedere l’inserimento di un piccolo profilo metallico a colore o di bronzo/corten/acciaio.

Oppure ancora è possibile prevedere una fascia di grés con giacitura delle fughe orientata diversamente. 


Come accostare pavimenti diversi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi